Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno VI, N. 15
Online 31/03/2020
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Ricœur e il linguaggio dell’architettura F. SARCINELLI

The following pages explain Ricœur’s considerations on architecture and compare them with other authors (Valéry, Heidegger, Derrida). Architecture is a ‘plot’ bound to the historical memory, tradition, planning and ‘world of life’. Every building stay in a historical and relationship context: the city. Ricœur makes a list of its pathologies that lay the man in a confusion condition. The building have to be tied with living needs. The architectural planning has to be inspired by an ethic of responsibility towards architecture users, the inhabitants of city.

KEYWORDS: Architecture, Monument, Narrative, City, Live

 

Nelle pagine che seguono si espone la riflessione di Ricœur sull’architettura, confrontandola con quella di altri autori (Valéry, Heidegger, Derrida). L’architettura va intesa come ‘racconto’ e dunque legata alla memoria storica, alla tradizione, alla progettualità e al ‘mondo della vita’. Ogni edificio sorge in un contesto storico e relazionale, la città, di cui Ricœur individua le patologie che hanno gettato l’individuo in una condizione di smarrimento. L’attività del costruire deve essere legata alle esigenze dell’abitare. La progettualità architettonica deve essere animata da un’etica della responsabilità nei confronti dei fruitori dell’architettura, degli abitanti delle città.

PAROLE CHIAVE: Architettura, monumento, racconto, città, abitare

Scarica PDF