Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno V, N. 13
Online 29/03/2019
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Danger and Darkness in the Image in Film
Pericolo e oscurità nell’immagine filmica
D. OLKOWSKI

Gilles Deleuze argues that a theory of cinema is not about cinema, but about concepts that arise from cinema and are related to other practices with which it interferes. In this regard, cinema is like philosophy, which also interferes with other practices. As a practice of images, cinema is sensory-motor, but as a practice of signs it is cognitive. As such it may serve as an image of thought, an image of the manner in which thought is constituted. This is the link between cinema and philosophy. But unlike other arts, cinema gives images of thought to philosophy. Deleuze states that we must move from the question ‘What is cinema?’ to the question ‘What is Philosophy?’. This essay asks how to do this and whether we should do this.

KEYWORDS: Deleuze, Cinema, Philosophy, Images, Semiotics

Download PDF

 

Gilles Deleuze sostiene che una teoria del cinema non dovrebbe riguardare il cinema, ma i concetti che il cinema produce e che si relazionano ad altre pratiche, con le quali il cinema stesso ‘interferisce’. Da questo punto di vista, il cinema è come la filosofia, dato che anch’essa interferisce con altre pratiche. In quanto pratica dell’immagine, il cinema è senso-motorio, ma in quanto pratica di segni è cognitivo. Da questo punto di vista può servire come un’immagine del pensiero, un’immagine del modo in cui il pensiero è costituito. Questo è il legame tra cinema e filosofia. Ma, a differenza di altre arti, il cinema dà immagini di pensiero alla filosofia. Perciò Deleuze afferma che dobbiamo spostarci dalla questione ‘Che cos’è il cinema?’ alla questione ‘Che cos’è la filosofia’?’. Questo saggio si chiede come farlo e se dobbiamo farlo.

PAROLE CHIAVE: Deleuze, cinema, filosofia, immagini, semiotica

Scarica PDF