Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno V, N. 14
Online 30/09/2019
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Una ripetizione appropriante ‘filosofica’, più che una recensione.
In dialogo con The Foundations of Phenomenological Psychotherapy di G. Arciero, G. Bondolfi, V. Mazzola
A. CAPUTO

The Foundations of Phenomenological Psychotherapy (Springer, 2018) by Giampiero Arciero, Guido Bondolfi and Viridiana Mazzola weaves, as the authors declare, three possible narratives: a philosophical one, a psychological-psychotherapeutic one, and one in dialogue with Sciences. These pages are only focused on the philosophical perspective, re-appropriating it through some questions. What kind of epistemological and ontological re-foundation can phenomenology offer to psychology? How can Heidegger’s and Ricoeur’s books be a new beginning for a different interpretation of the human being? Can philosophy ‘coherently’ use a phenomenological-practical method and transform the hermeneutics of the self into care of self?

KEYWORDS: Psychotherapy, Phenomenology, Care of Self, Heidegger, Ricoeur

 

The Foundations of Phenomenological Psychotherapy (Springer, 2018; imminente la versione italiana per Bollati Boringhieri) è un testo di Giampiero Arciero, Guido Bondolfi e Viridiana Mazzola che intreccia, come dichiarano gli autori, tre possibili narrazioni: una filosofica, una psicologico-psicoterapeutica, una in dialogo con le scienze. Queste pagine si limitano a seguire la prospettiva filosofica, riappropriandosene in base ad alcune domande. Che tipo di rifondazione epistemologica e ontologica può offrire la fenomenologia alla psicologia? In che maniera i testi di Heidegger e Ricoeur possono essere un nuovo inizio per una differente lettura dell’essere umano? La filosofia è in grado di usare ‘coerentemente’ un metodo fenomenologico-pratico e trasformare l’ermeneutica del sé in cura di sé?

PAROLE CHIAVE: Psicoterapia, fenomenologia, cura di sé, Heidegger, Ricoeur

Leggi l’articolo in PDF