Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno VII, N. 17
Online 31/03/2021
Immagine di copertina
di Bianca Roselli
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Newsletter / Newsletter

iBody? Un’insegnante italiana negli Stati Uniti,
durante la Pandemia Covid 19 e una prospettiva tecnologico-sinestetica rispetto alla danza
A. Lovreglio Wilson

Virtuality is seen as part of our daily life, our reality, and as an extension within the dwelling of the body. With the engagement of tactility, through a haptic approach within a multi-sensorial dimension, we present a proposal for teaching at distance. We use digital implementation as well as an opening towards educational horizons steeped in imagination and creativity. Our research involves both the body and spatial awareness while widening unexplored possibilities. We use osmotic exchanges between digital and human perspectives. Being together while being isolated in our own individual bubble, means to be both far away and nearby at the same time.

KEYWORDS: embodiment, dance , bubble, alone together, faraway nearby

 

La virtualità è vista come parte della nostra vita quotidiana, della nostra realtà e come un’estensione all’interno dell’abitazione del corpo. Con l’impegno della tattilità, attraverso un approccio tattile all’interno di una dimensione multisensoriale, presentiamo una proposta per l’insegnamento a distanza. Usiamo l’implementazione digitale e un’apertura verso orizzonti educativi ricchi di immaginazione e creatività. La nostra ricerca coinvolge sia il corpo che la consapevolezza spaziale mentre amplia le possibilità inesplorate. Usiamo scambi osmotici tra prospettive digitali e umane. Stare insieme mentre siamo isolati nella nostra bolla individuale, significa essere lontani e vicini allo stesso tempo.

PAROLE CHIAVE: incorporamento, danza, bolla, isolati insieme, lontani nella vicinanza

Leggi l’articolo in PDF