Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno VII, N. 17
Online 31/03/2021
Immagine di copertina
di Bianca Roselli
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Newsletter / Newsletter

La relazione clinica tra cinema e filosofia M. Mele

Through the coalescence between cinema and philosophy, this essay aims to put in evidence three dynamics working in the relationship between a doctor and a patient: the ‘asymmetric un-relationship’, in which the doctor is totally unable to create a communicative exchange with the patient such that the relationship itself vanishes; the ‘asymmetric relationship’, characterized by an emotive blackout of the doctor caused by the contact with the other; the ‘symmetric relationship’, in which the doctor plays the role of the ‘ethic communicator’, who enhances the active listening and considers the patient as a person and not as an object of experiments.

KEYWORDS: clinical relationship, ethical communicator, empathy, active listening, reciprocity

 

Attraverso la coalescenza tra cinema e filosofia, il presente saggio intende far luce su tre dinamiche operanti all’interno della relazione medico-paziente: la ‘irrelazione asimmetrica’, in cui il medico è totalmente incapace di instaurare uno scambio comunicativo con il paziente tanto da rendere assente la relazione stessa; la ‘relazione asimmetrica’, caratterizzata da un blackout emotivo del medico causato dal contatto con l’altro; la ‘relazione simmetrica’, in cui si profila un medico nelle vesti di ‘comunicatore etico’, il quale valorizza l’ascolto attivo e accoglie il paziente come persona e non come oggetto di studi sperimentali.

PAROLE CHIAVE: relazione clinica, comunicatore etico, empatia, ascolto attivo, reciprocità

Leggi l’articolo in PDF