Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno VII, N. 17
Online 31/03/2021
Immagine di copertina
di Bianca Roselli
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Newsletter / Newsletter

The Urgency of the Untimely
L’urgenza dell’inattuale
A. CAPUTO

This issue constitutes the Proceedings of the First International Conference organized by “Logoi” (with the Disum Department of the University of Bari and the Società filosofica italiana) in Bari (May, 16-18 2016) . In order to present the topic explored in the Conference and in this issue (On Untimely. From Nietzsche to us), I would like to make a ‘thinking’ introduction. I will not introduce this Issue in a technical way. Allow me to do so. I did not imagine this presentation as the preface to a book that others will then write, like the beginning of something external and different from its point of departure. No. I thought of it as an Einleitung or Einführung, as the Germans would say, emphasizing the Ein (in). Therefore, something that is already ‘in’, already inside, and guided or led (-leiten, –führen) by, the ‘thing itself’ that it is part of. And the thing that it is part of (the Leit-Frage, Leit-Wort) is the Untimely. So… what I would like to try to do in this Introduction is to let resonate some problems and some provocations contained within our keyword/ topic.

Read the Essay on PDF

 

I testi raccolti in questo numero sono stati presentati in anteprima durante un Convegno internazionale di studi, tenutosi presso l’Università degli Studi di Bari, e organizzato dalla rivista “Logoi” (con il patrocinio morale del Dipartimento di Studi umanistici e della sezione locale della Società filosofica italiana), dal 16 al 18 maggio 2016 . Questo Editoriale riprende alcune delle cose dette nell’Introduzione al Convegno stesso. Un’introduzione costruita da subito non in maniera tecnica, ma ‘pensante’; non come la Prefazione ad un libro scritto poi da altri, come l’inizio di qualcosa di esterno e diverso dall’avvio. No. Un’introduzione pensata come una Einleitung o Einführung, direbbero i tedeschi, sottolineando l’Ein (in). Quindi qualcosa che è già ‘in’, già dentro e si lascia guidare, intro/durre, condurre (-leiten, –führen) dalla ‘cosa stessa’ che è in gioco . E qui la cosa che è in gioco è l’Inattuale. È questo tema, è questa parola-guida, questa questione-guida (Leit-Frage, Leit-Wort) che ha fatto convenire tanti relatori e ascoltatori in tre giorni. E che ora convoca i lettori. E quello che vorrei provare in questa Introduzione è lasciar risuonare la profondità della parola/questione: Inattuale.

Leggi l’articolo in PDF