Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno VII, N. 17
Online 31/03/2021
Immagine di copertina
di Bianca Roselli
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Newsletter / Newsletter

Song to Song di Malick e un (im)possibile scenario esistenziale.
A partire da Essere e tempo.
A. CAPUTO

Il tentativo di questo saggio è rileggere l’ultimo film di Terrence Malick (Song to Song, 2017) a partire dalle categorie esistenziali di Essere e tempo di Heidegger: non per sovrapporre indebitamente i due ‘pensatori’, né per sostenere che il regista abbia (ripro)posto nel film le idee del filosofo, ma per mostrare come il Cinema non smetta di dare a pensare (soprattutto quando a ‘farlo’ è qualcuno che, come Malick, in fondo scrive testi di filosofia in maniera filmica). E lasciar riemergere la consapevolezza che, proprio là dove i linguaggi e i temi sembrano più vicini, è invece la distanza e la differenza che rende fecondo il dialogo: tra il linguaggio concettuale della filosofia e quello delle immagini-movimento del cinema.

PAROLE CHIAVE: Terrence Malick, Song to Song, Martin Heidegger, Essere e tempo, tonalità emotive

Leggi l’articolo in PDF