Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno IX, N. 23,
Online 31/12/2023
Immagine di copertina
di Bianca Roselli
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Five Hundred Pages, Reflecting on the City and Us, Citizens
Cinquecento pagine, per pensare la città e noi cittadini
A. Caputo

We celebrate the first issue in Class A ANVUR with a substantial volume, not only in terms of quantity (almost 500 pages) but also in terms of subject matter. We are confident, indeed, that we have not exhausted such an important theme. For this reason, each thematic section of the journal aims to be a ‘focus’ with ‘exempla.’
This issue also marks an internal renewal of the Editorial Board, which remains the true heart (and mind) of the journal; and it marks also the establishment of a broad editorial secretariat, composed of very young students (and recent graduates) from the University of Bari: because we believe it is important for Logoi, as it grows in levels of national and international recognition, not to forget that this Journal is, above all, an oasis of cultural resistance and an opportunity (for growth) for ‘our’ young people, which is essential in the advancing desert, often, unfortunately, especially in our South and Southern universities.

Read the Essay on PDF

 

Festeggiamo il primo numero in fascia A per l’ANVUR con un numero impegnativo, non solo per quantità (quasi 500 pagine) ma anche per tematica. Siamo certi, infatti, di non aver affatto esaurito un argomento così importante. Anche per questo, ogni sezione della rivista si limita ad essere un ‘focus’ con degli ‘exempla’.
Questo fascicolo segna anche un rinnovamento interno della Redazione, che resta il vero cuore (e mente) della rivista; e segna la nascita di una ampia segreteria di redazione, composta da giovanissimi studenti (e neolaureati) Uniba: perché riteniamo importante che Logoi, crescendo nei livelli di valutazione e riconoscimento nazionale e internazionale, non dimentichi di essere innanzitutto, un’oasi di resistenza culturale, e una possibilità di crescita per i ‘nostri’ giovani, cosa essenziale nel deserto che avanza, spesso, purtroppo, soprattutto nel nostro Sud, e nelle Università del Sud.

Leggi l’articolo in PDF