Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno VIII, N. 19, Vol. II
Online 02/04/2022
Immagine di copertina
di Bianca Roselli
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Newsletter / Newsletter

Città al tramonto: Calvino e la fine di un’immagine utopica D. M. Pegorari

Calvino considered Le città invisibili (1972) the book in which he had been able to give organicity to a very large number of issues, especially of a sociological and narratological nature; precisely for this reason the work has been the center of critical attention for fifty years and undoubtedly one of the most cited Italian works of the twentieth century in the world. This study proposes a general interpretation, dismantling its combinatorial structure and capturing the fundamental themes of the narrative frame and the eleven series of cities. The result is a poetics of ‘overthrow’ (within each story and between one series to another) aimed at revealing the illusory character of the civil utopias of modernity and modernism.

KEYWORDS: city, dystopia, postmodernity, imagination, perspective

 

Calvino considerava Le città invisibili (1972) il libro in cui era riuscito a dare organicità a un numero molto elevato di questioni, soprattutto di ordine sociologico e narratologico; proprio per questo l’opera è da cinquant’anni al centro dell’attenzione della critica e, senza ombra di dubbio, una delle più citate del Novecento italiano a livello mondiale. Questo studio ne propone un’interpretazione generale, smontando la sua struttura combinatoria e cogliendo i temi fondamentali della cornice narrativa e delle undici serie di città. Se ne ricava una sistematica poetica del ‘rovesciamento’ (all’interno di ciascun racconto e fra una serie all’altra) finalizzata a rivelare il carattere illusorio delle utopie civili moderne e moderniste.

PAROLE CHIAVE: città, distopia, postmodernità, immaginazione, prospettiva

Leggi l’articolo in PDF