Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno VIII, N. 19, Vol. II
Online 02/04/2022
Immagine di copertina
di Bianca Roselli
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Newsletter / Newsletter

Alle soglie dell’umano.
L’oltreuomo nietzscheano e il postumanismo
S. Gorgone

The paper starts with Nietzsche’s analysis of the age of machine and technique in order to find a correlation with the Posthuman Thought. The focus is not to discover an affinity between Nietzsche’s Übermensch and the Posthuman but to interpret the posthumanistic deconstruction of the classical humanistic concepts of human subjectivity – anthropozentrism, autonomy, identity – from the point of view of Nietzsche’s theory of Becoming and Übermensch. Like Heidegger has shown, the supreme will of power – to the becoming the character of being to impress – consists of allowing the technique each possible transformation and metamorphosys of reality and man. The Übermensch can be interpreted as prefiguration of the new human type, able to govern technically the deep power of Chaos. Finally, will be displayed the divergence between the posthumanistic ‘passing’ of human through contamination and hybridization and Nietzsche’s idea of beyond the man as ‘sense of earth’.

KEYWORDS: Übermensch, Posthuman, Technique, Hybridization, Difference

 

L’articolo parte dall’analisi di Nietzsche dell’età della macchina e della tecnica, per trovare una correlazione con il pensiero postumano. L’obiettivo non è scoprire un’affinità tra lo Übermensch di Nietzsche e il Postumano, ma interpretare la decostruzione postumanistica dei concetti umanistici classici della soggettività umana – antropozentrismo, autonomia, identità – dal punto di vista della teoria del divenire e dello Übermensch di Nietzsche. Come ha mostrato Heidegger, la volontà suprema di potenza – imprimere al divenire il carattere dell’essere – consiste nel permettere alla tecnica ogni possibile trasformazione e metamorfosi della realtà e dell’uomo. Lo Übermensch può essere interpretato come prefigurazione del nuovo tipo umano, in grado di governare tecnicamente il potere profondo del Caos. Infine, verrà mostrata la divergenza tra il ‘passaggio’ postumanistico dell’umano attraverso la contaminazione e l’ibridazione e l’idea di Nietzsche di oltre l’uomo come ‘senso della terra’.

PAROLE CHIAVE: oltreuomo, postumano, tecnica, ibridazione, differenza

Leggi l’articolo in PDF