Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno III, N. 8
Online 30/06/2017
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Trasformazioni del desiderio. Dal volto materno al linguaggio letterario C. Scarlato

In this paper, I will discuss the role played by recognition in the art of Self-Portrait. According to Lacan and Winnicott’s theories, I will focus my attention on the relationship among mother’s face and mirror, and language and desire, to show the process through which human beings build their own identity. These same themes are also discussed by David Foster Wallace, in the novel Infinite Jest. I shall argue that the main character of this novel could be considered as the representation of the breakdown in which the subject is completely free to express his desire. In this perspective, it’s interesting also to consider how the language changes his function in the literary context. So, it’s definitely through recognition that human beings can understand what a face means in Self-Portrait.

KEYWORDS: David Foster Wallace, Lacan, Winnicott, Self-portrait, Recognition

 

In questo saggio viene discusso il ruolo del riconoscimento nell’autoritratto. Seguendo le teorie di Lacan e Winnicott, si focalizzerà l’attenzione sulla relazione esistente tra il volto materno e lo specchio, e tra il linguaggio e il desiderio, per mostrare il processo attraverso il quale gli esseri umani costruiscono la propria identità. Proprio questi temi vengono discussi anche da David Forster Wallace, in Infinite Jest. Nel saggio si cercherà di mostrare come il protagonista principale di questo racconto possa essere considerato come la rappresentazione di un crollo in cui il soggetto è completamente libero di esprimere il proprio desiderio. In questa prospettiva, è interessante vedere anche come il linguaggio modifichi la propria funzione nel contesto letterario. Quindi, è senza dubbio attraverso il riconoscimento che gli esseri umani possono capire il significato di un volto in un autoritratto.

PAROLE CHIAVE: David Foster Wallace, Lacan, Winnicott, autoritratto, riconoscimento

Leggi l’articolo in PDF