Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno III, N. 8
Online 30/06/2017
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Newsletter / Newsletter

‘Selfie-Destruction’. Sull’autoritrarsi contemporaneo M. CLEMENTE

Make self-portraits as a function of a share on social networks has become a mass practice: it has not only a figurative background, but moves from social-cultural trends of the last years. The intention of this research is not so much to insist on self-portrait in the dimension of the myth (Narcissus), as that ephemeral dimension of men through ‘stops’ in the Art scene, interpreted as ‘otherness’ that leads to not immediatly visible truths, building a route that mainly wants to investigate the current predisposition to take pictures of themselves.

KEYWORDS: Self-portrait, Selfie, Social network, Absence, Disappearance.

 

Autoritrarsi in funzione di una condivisione sui social networks è diventata una pratica di massa: ha un retroterra non solo figurativo, ma muove da tendenze socio-culturali degli ultimi anni. L’intenzione di questa ricerca non è tanto quella di insistere sull’autoritratto contemporaneo sul piano del mito (Narciso), quanto invece quella di scendere a quello effimero degli uomini attraverso ‘soste’ nel panorama artistico, inteso come alterità che porta a verità non visibili nell’immediato, costruendo un percorso che vuole indagare principalmente la predisposizione odierna dell’autoritrarsi.

PAROLE CHIAVE: autoritratto, selfie, social-network, assenza, sparizione.

Leggi l’articolo in PDF