Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno IX, N. 23,
Online 31/12/2023
Immagine di copertina
di Bianca Roselli
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Modelli di Babele nella filosofia della traduzione A. Caputo

This paper is divided into three parts. The first two parts work on myth of Babel present in Genesis through some non-philosophical representations, which characterize it in its hybris (Dante, Pieter Bruegel, Iñárritu) and in its inevitability (Borges, Malick). The third part, the strictly philosophical one, identifies some twentieth-century interpretations of Babel, understood as a metaphor of human incommunicability, and so three proposals (Benjamin, Derrida, Ricoeur) for inhabiting it, thanks to the possibility/impossibility of translation

KEYWORDS: Babel, Translation, Benjamin, Derrida, Ricoeur

 

Il testo è diviso in tre parti. Le prime due riprendono il mito di Babele presente nel testo del Genesi attraverso alcune raffigurazioni non filosofiche, che lo caratterizzano nella sua hybris (Dante, Pieter Bruegel, Iñárritu) e nella sua inevitabilità (Borges, Malick). La terza parte, quella propriamente filosofica, individua alcune letture novecentesche di Babele, intesa come metafora dell’incomunicabilità umana, e – di contro – tre proposte (Benjamin, Derrida, Ricoeur) per abitarla, grazie alla possibilità/impossibilità della traduzione.

PAROLE CHIAVE: Babele, traduzione, Benjamin, Derrida, Ricoeur

Leggi l’articolo in PDF