Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno V, N. 13
Online 29/03/2019
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Newsletter / Newsletter

Chi ha paura della Costituzione? G. Zagrebelsky

Gustavo Zagrebelsky, constitutionalist and president of the Constitutional Court from 1995 to 2004, accompanies the reader, looking for the roots of our fears of Constitution. So are we looking for the keys to answers to the problematic question ‘who is afraid of the Constitution’? The essay presents a legal, social and historical analysis of the relationship between the Italian people and Constitution. Starting from the peculiar characteristics of the Italian constitutional text and from the observation of a structural stratification of modern societies, Zagrebelsky reconstructs the salient points of the history and evolution of the Italian Constitution and underlines the current role of the national Constitutions in a European perspective.

KEYWORDS: Constitution, Fear, Nations, Europe, Society

 

La voce di Gustavo Zagrebelsky, costituzionalista e presidente della Corte Costituzionale dal 1995 al 2004, accompagna il lettore nella ricerca delle radici alla base delle paure odierne nei confronti della Costituzione; si cercano, così, delle chiavi di lettura per possibili risposte al problematico quesito ‘chi ha paura della Costituzione’? Ne consegue una analisi giuridica, sociale e storica del rapporto tra il popolo italiano e la sua Costituzione. Partendo dalle caratteristiche peculiari del testo costituzionale italiano e dalla osservazione di una strutturale stratificazione delle società moderne, Zagrebelsky ricostruisce i punti salienti della storia e dell’evoluzione della Costituzione italiana e giunge all’osservazione dell’attuale ruolo rivestito dalle Costituzioni nazionali in una prospettiva Europea.

PAROLE CHIAVE: costituzione, paura, nazioni, europa, società

Leggi l’articolo in PDF