Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno VI, N. 15
Online 31/03/2020
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Abbiamo cambiato il mondo. Responsabilità e rivoluzione digitale A. Baricco

We changed the world and this change is the digital revolution. Acutely mixing historical and personal narration, Baricco connects this revolution with the changing nature of the ‘elite’ and of the speed at which informations travel. Movement is our answer to the closures of the twentieth century. Access to information and possibility of communicating and expressing one’s opinions and one’s idea of beauty are the forms that this ‘opening’ and this ‘movement’ has taken, also thanks to the devices and their widespread and daily use. Limits and dangers of this revolution (which are mainly linked to our educational and social unpreparedness) cannot in any case eliminate its grandeur.

KEYWORDS: Word Change, Digital revolution, Movement, Information, Devices

 

Abbiamo cambiato il mondo: questa è la rivoluzione digitale. Mescolando abilmente narrazione personale e storica, Baricco connette questa rivoluzione al cambiamento del nostro modo di rapportarci al potere delle élite e alla velocità con cui abbiamo scelto di far viaggiare il mondo e le informazioni. Il movimento è la nostra risposta alle chiusure del Novecento, il secolo peggiore dell’umanità. Mentre l’accesso globale alle informazioni e la possibilità di comunicare (tutti e tutto), unita alla possibilità di esprimere le proprie opinioni e anche ‘buttare’ nello spazio virtuale la nostra personale idea di bellezza sono quattro aspetti caratteristici del movimento aperto assunto dalla nostra epoca, anche e soprattutto grazie all’uso quotidiano e continuo dei device. Pur non mancando limiti e pericoli (legati soprattutto alla nostra impreparazione sociale ed educativa), non è possibile non riconoscere la grandiosità di questo cambiamento epocale.

PAROLE CHIAVE: Cambiamento del mondo, rivoluzione digitale, movimento, informazioni, device

Leggi l’articolo in PDF