Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno VI, N. 16
Online 03/11/2020
Immagine di copertina
di Bianca Roselli
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Newsletter / Newsletter

Motivazione prossemica nel linguaggio:
metafore e registri relazionali
Ł. Biel

One of the major tenants of Cognitive Linguistics is the claim that language is embodied, i.e. grounded in and motivated by the nature of human body and interactions with physical, social and cultural environments. Interactions of human beings in space are one of the elementary human experiences. The branch of studies which analyses the use of space for communicative purposes is called proxemics and it was pioneered by American anthropologist Edward Hall in the 1960s. According to Hall, in face-to-face conversation interlocutors negotiate a comfortable distance for personal interaction, which is an important source of nonverbal information (1978). In this paper an attempt will be made to analyse whether human proxemic behaviour is reflected in and motivates linguistic structures.

KEYWORDS: Cognitive Linguistics, Edward Hall, Proxemics, Motivation, Relational Metaphors

 

Una delle architetture primarie della Linguistica cognitiva è l’idea che il linguaggio sia incorporato, vale a dire fondato e motivato dalla natura del corpo umano e dalle interazioni umane con gli ambienti fisici, sociali e culturali. Le interazioni degli esseri umani nello spazio costituiscono una delle esperienze umane elementari. La branca di studi che analizza l’uso dello spazio per scopi comunicativi è chiamata prossemica ed ebbe inizio con l’antropologo americano Edward Hall negli anni ’60 del secolo scorso. Secondo Hall, gli interlocutori di una conversazione faccia a faccia negoziano una distanza agevole per l’interazione personale, il che è un’importante fonte di informazione non-verbale. In questo articolo, tenteremo di vedere se il comportamento prossemico umano si rifletta in – e motivi – le strutture linguistiche.

PAROLE CHIAVE: linguistica cognitiva, Edward Hall, prossemica, motivazione, metafore relazionali

Leggi l’articolo in PDF