Rivista di filosofia
Journal of Philosophy
ISSN 2420-9775
Anno VII, N. 17
Online 31/03/2021
Immagine di copertina
di Bianca Roselli
Mimesis Edizioni

Cookie banner
Cookie Banner – CSS

Newsletter / Newsletter

La crisi dell’umanità europea e il ruolo della ragione.
Un dialogo con Giuseppe Semerari e Nicola Massimo De Feo
A. Dimola

This essay is a kind of dialogue with Giuseppe Semerari and Nicola Massimo De Feo about the crisis of european humanity. In the thought of these philosophers are synthesized the peripheral and global point of view. This synthesis makes their thought very original and interesting. The most important matter is the conflict between the rationalization of economics – alienation and reification – and needs of the world of life. What is the role of reason in the solution of this conflict? Semerari and De Feo give two different answers: Semerari mantains the importance of dialogue between rational and responsible subjects; De Feo elaborates the concept of “autonomy of negative”, based on Marx’s materialism and on the “negative thought” of Heidegger, Nietzsche, Weber.

KEYWORDS: Giuseppe Semerari, Nicola Massimo De Feo, Crisi, Europe, Reason

 

Il saggio si presenta come una sorta di dialogo con Giuseppe Semerari e Nicola Massimo De Feo, intorno al tema della crisi dell’umanità europea. Nel pensiero di questi filosofi troviamo sintetizzato un punto di vista insieme locale e globale, e proprio questo rende il loro pensiero interessante e originale. Il punto centrale è il conflitto tra la razionalizzazione economica – alienazione e reificazione – e bisogni del mondo della vita. Qual è il ruolo della ragione nella soluzione di questo conflitto? Semerari e De Feo danno due risposte differenti: il primo mantiene ferma l’importanza del dialogo tra soggetti razionali e responsabili; il secondo elabora il concetto di ‘autonomia del negativo’, basato sul materialismo marxiano e sul ‘pensiero negativo’ di Heidegger, Nietzsche, Weber.

PAROLE CHIAVE: Giuseppe Semerari, Nicola Massimo De Feo, Crisi, Europa, Ragione

Leggi l’articolo in PDF